INCI: cos’è e come saperlo leggere?

L’ INCI è la denominazione per indicare gli ingredienti, che compongono una crema viso e qualsiasi prodotto cosmetico. Nessun prodotto cosmetico dovrà essere messo in commercio, senza questa etichetta, per una sicurezza del consumatore, che deve essere messo a conoscenza degli ingredienti che vengono inseriti all’interno della composizione.

A cosa serve e come si decifra l’INCI di un prodotto?

L’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) è entrato in vigore, attraverso una legge istituita nel 1997, che dichiara l’obbligatorietà di ogni casa cosmetica, nel dichiarare la composizione totale, presente all’interno di ogni prodotto realizzato e messo in commercio.

cos'è l'INCI e come si riconosce un buon prodotto

Questa legge è stata formulata e messa a punto, al fine di garantire i consumatori, che possono così prendere visione, precedentemente all’acquisto, di quelli che sono gli ingredienti, senza il rischio di incorrere in fastidi o allergie per la propria pelle.

L’elenco è scritto in ordine decrescente, ovvero al primo posto si troverà l’ingrediente che è inserito all’interno della composizione con una percentuale più alta, andando man mano a scendere, con gli ingredienti che hanno una percentuale più bassa.

Le categorie, si differenziano anche in base alla derivazione dei principi attivi:

  • Origine vegetale: questi ingredienti non hanno subito alcun processo o variazione chimica. Vengono indicati con il nome botanico originale in latino. Di norma, le creme viso, con maggior numero di ingredienti in latino è da considerarsi naturale, senza alcun agente che possa danneggiare la pelle.
  • Origine naturale con variazione chimica: questi ingredienti, hanno subito una variazione chimica e vengono indicati in inglese.
  • Coloranti: questi vengono messi in fondo, con una sigla dal nome C.I., ovvero Colour Index, con un numero identificativo a fianco.

Sono tantissime le persone che, pur leggendo la lista degli ingredienti, non riescono a comprendere cosa ci possa essere scritto o meno: se andiamo nello specifico, gli ingredienti di origine naturale sono facili da comprendere, mentre altri non si può capire se possono essere dannosi o meno.

Dunque, per riuscire a leggere in modo efficace l’INCI è necessario fare un passo indietro: se gli ingredienti, vengono inseriti all’interno dell’INCI con il nome in latino significa che non hanno subito alcuna variazione, quindi, più ingredienti in latino si trovano e più il prodotto cosmetico è naturale e ben tollerato dalla pelle.

Come si riconosce un cosmetico con un buon INCI?

Per scegliere un prodotto con un buon INCI, che sia una crema, una maschera o altri cosmetici naturali, è opportuno saper riconoscere i principi attivi migliori ed evitare quelli dannosi. Infatti, oltre agli ingredienti buoni è necessario saper decifrare anche quelli “cattivi”, in quanto possono danneggiare la pelle, non regalandone alcun beneficio, rendendola secca ed opaca.

In linea generale, quindi, un prodotto cosmetico che si rispetti, non dovrà mai contenere i seguenti ingredienti, all’interno della propria lista:

  • Ingredienti che derivano dal petrolio, come Paraffinum Liquidum, PEG e PPG, Mineral Oil, Petrolatum. Sono spesso presenti, in alcuni prodotti cosmetici per viso o per la cura del bambino.
  • Ingredienti che derivano dalla raffinazione del petrolio come Sodium laureth sulfate, Sodium lauryl sulfate, Ammoniun lauryl sulfate.
  • Ingredienti che possono essere notevolmente inquinanti, come EDTA, MEA, TEA, MIPA.
  • Ingredienti che possono creare allergie e danneggiare la pelle, Triclosan e Imidazolidinyl urea, DMDM Hydantoin, Methylisothiazolinone e Methylchloroisothiazolinone.
  • Siliconi, che fingono di curare e nutrire la pelle, creando un film che fa apparire la pelle sana, ma al contrario la danneggia.

Naturalmente, non sono gli unici ingredienti da evitare, ma, sicuramente, è da tenere in considerazione che quelli sopra citati, se sono presenti all’interno dell’INCI, significa che il prodotto cosmetico non avrà un buon risultato sulla pelle.

Di seguito trovi i migliori cosmetici che abbiamo selezionato dopo un’attenta lettura dell’INCI:

Che cos’è il Biodizionario e perchè consultarlo?

In caso di dubbi su particolari nomi descritti all’interno dell‘INCI, è possibile consultare il Biodizionario, che grazie ad un database interno, potrà comunicare in tempo reale, se la tipologia di ingrediente è da evitare o, al contrario, è ottima per la propria pelle (naturale e senza agenti chimici).

Sono più di 4000 gli ingredienti all’interno del Biodizionario, al fine di poter leggere e decifrare l’etichetta dell’INCI, in maniera facile e veloce.

Condividi l'articolo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, per saperne di più e disattivare i cookie clicca su info. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi