Ginkgo biloba

In molti avranno sentito parlare del Ginkgo biloba, una pianta che si trova nelle creme e nei prodotti di bellezza, considerata nell’antichità un’erba importante nelle medicina cinese, in quanto apportava benefici al cuore e ai polmoni. Ma quale sono le sue vere proprietà? Da dove viene? Cerchiamo di scoprirlo in questa guida.

Caratteristiche e descrizione della pianta

Il Ginkgo biloba, ad oggi, è l’unica specie di pianta sopravvissuta della famiglia delle Ginkgoaceae, e sembra che sei dei suoi esemplari siano sopravvissuti addirittura alla bomba di Hiroshima. E’ coltivata soprattutto in Cina, ma è anche il simbolo del Giappone.

E’ una pianta arborea, alta circa trenta o quaranta metri e larga nove, la cui corteccia è di colore grigio-brunastro (più sull’argento quando è giovane) e le sue foglie decidue, di colore verde chiaro, misurano dai cinque agli otto centimetri. Non ha fiori, in quanto è una Gimnosperme, e quindi i suoi semi sono protetti da un ovario. Fiorisce in primavera, e tra la sua impollinazione e fecondazione passano diversi mesi, e si riproduce per semi o per talee, soprattutto in estate.

Nel suo estratto, sono presenti:

  • il tarpene trillatone Bilobalide;
  • i Gingkolidi A, B e C;
  • gli acidi carbossilici, che possono risultare anche tossici, e quindi se ne estraggono basse concentrazioni;
  • altre molecole bioattive, ovvero la Procianidina, la Quercitina, l’Isoramnetina, il Kaempferolo e i flavonoidi.

Le proprietà medicinali

Questa arborea viene usata anche come pianta ornamentale, ma si coltiva principalmente per i suoi usi terapeutici. Il Ginkgo Biloba ha proprietà antiaggreganti piastriniche, fluidificanti del sangue, vasoprotettrici, vasodiladatrici ed antiossidanti.

Grazie a queste sue proprietà, non sono pochi gli usi che ne possono fare in campo medicinale. Ad esempio, può aiutare dopo un trapianto di organi, per contrastare il rigetto, e contro le cardiopatie, nelle dosi prescritte dal medico. Grazie al suo ruolo di fluidificante del sangue, aiuta anche il nutrimento e l’ossigenazione dei tessuti e, quindi, una corretta distribuzione del glucosio e di ossigeno al cervello, il che si rivela utile per gli studenti. Può essere usato anche per contrastare l’asma, e per problemi di varia natura, come le emorroidi, i geloni, mal di testa, vertigini, dolori alle gambe, etc.

Si può usare sotto forma di tintura madre, in capsule o in tisane. In tutte queste forme, si può assumere come fluidificante e, se si preferisce la tisana, basta procurarsi un cucchiaio raso di foglie di Ginkgo biloba e metterle in infusione in una tazza d’acqua bollente.

Uso cosmetico

Nella cosmesi, il Ginkgo biloba può essere un buon ingredienti per creme o sieri, che siano già pronti o fai da te, per i suoi effetti antiage ed antinfiammatori. Inoltre coadiuva la funzione della barriera cutanea, proteggendo così la cute dai raggi UV, e ne può ridurre gli eritemi o le lesioni acneiche. Come è già stato accennato prima, ha proprietà antiossidanti e, quindi, come cosmetico, può ridurre le rughe, migliorare l’idratazione della pelle ed incrementarne lo spessore.

Nei negozi ed online non è difficile trovare dei prodotti, del tutto naturali, che contengano Ginkgo biloba. Uno di questi è il Clarins Siero Viso Mission Perfection, adatto a tutti i tipi di pelle, che ha effetti leviganti ed illuminanti. La sua funzione principale, infatti, è quella di contrastare i segni sulla pelle, come le macchie o le lesioni dovuti all’acne. Oltre al Ginkgo biloba, questo siero contiene estratti di altre piante, come l’acerola o il tamarindo, e si può acquistare online, al prezzo di 96,00 euro.

Chi ama prepararsi da solo le sue maschere, può acquistare l’estratto di queste piante in una qualunque erboristeria o farmacia specializzata in prodotti naturali, ed aggiungerne poche gocce alle creme viso che si usano quotidianamente. L’estratto può essere aggiunto nelle maschere settimanali per ripulire la pelle, e ciò vale sia per la pelle del viso che per altre zone del corpo. Ad esempio, se si è affetti da smagliature, è possibile aggiungerne poche gocce alla crema che si usa per contrastarle.

Effetti collaterali e controindicazioni

Il Ginkgo Biloba è un rimedio naturale non privo di effetti collaterali e controindicazioni. Per questo motivo deve essere assunto con moderazione e sotto consiglio medico laddove si renda necessario. Gli integratori alimentari a base di Ginkgo Biloba possono interagire con alcuni trattamenti farmacologici, come i farmaci anticoagulanti, aspirina e aspririnetta.

Le assunzioni di Ginkgo Biloba sono sconsigliate in caso di gravidanza e allattamento, ma anche per chi soffre di epilessia. I cosmetici non presentano particolari controindicazioni ma è opportuno interrompere le applicazioni in caso di reazioni allergiche e irritazioni cutanee. 

Condividi l'articolo:

Vuoi ricevere buoni sconto e novità sui prodotti naturali per la cura del viso?

LASCIACI IL TUO CONTATTO!

Complimenti! La registrazione è andata a buon fine!

Si è verificato un errore, riprova.

Clicca per accettare le condizioni di utilizzo dei dati personali presenti nella privacy policy di cremaviso.net. Lo staff userà queste informazioni esclusivamente per inviare comunicazioni su offerte e novità.

Utilizzando il sito, scrollando questa pagina o cliccando su un punto qualsiasi della pagina, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, per saperne di più e disattivare i cookie clicca su info. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi